Halloween: consigli letterari per una notte di terrore

Jack O Lantern Halloween GIF

di Fatima Fasano /
«This is Halloween, everybody make a scene 

Trick or treat till the neighbors gonna die of fright 
It’s our town, everybody scream 
In this town of Halloween 
I am the one hiding under your bed 
Teeth ground sharp and eyes glowing red 
I am the one hiding under your stairs 
Fingers like snakes and spiders in my hair 

This is Halloween, this is Halloween. Halloween!» 

La parola Halloween viene dalla variante scozzese di “All Hallows’ Eve”, ossia Vigilia di Ognissanti. Nella lingua della patria di Robert Louis Stevenson, la parola “eve” è “even”, quindi la frase “All Hallows’ Even” viene contratta in “Hallow e’en”.  

Ma cosa rende questo giorno speciale e tenebroso? 

nosferatu GIF

Halloween è la notte delle streghe, uno dei giorni in cui la tradizione messicana celebra “el Día de los Muertos”. È la notte in cui i morti prendono vita e vagano intorno a noi, la notte in cui il mondo terreno e ultraterreno si ricongiungono. Proprio per questo è usanza travestirsi: per proteggersi dagli spiriti e al contempo confondersi tra loro. 

La celebrazione del 31 ottobre ci avvicina a ciò che più temiamo che, tuttavia, ci affascina. L’orrore e il senso di pericolo si uniscono al piacere o a un profondo interesse, ed è qui che entra in gioco la sensazione del sublime, il cosiddetto “delightful horror”.  

Se anche voi volete immergervi in un’emozione mista tra terrore e piacere, siete nel posto giusto!

Ecco, qui di seguito, alcuni consigli letterari per una notte – o qualcuna in più – di paura:   

  1. “Piccoli brividi” o “Super Brividi” di R. L. Stine 
    Per i più giovani è un ottimo modo iniziare ad avvicinarsi alla letteratura horror con la collana di R. L. Stine. 
    Cos’è che vi spaventa di più? 
    I fantasmi? “Il fantasma nello specchio” è ciò che state cercando. 
    Le bambole? Beh, allora “Il pupazzo parlante” è il romanzo che fa per voi. 
    Insomma, ce n’è per tutti i gusti.

  2. “La donna in nero” di Susan Hill 
    Un avvocato londinese, Arthur Kipps, viene inviato nel villaggio di Crythin Gifford per occuparsi dell’eredità di una defunta. Il villaggio presenta sin da subito un’atmosfera cupa e la casa della signora Drablow si trova nel bel mezzo di una palude, ragion per cui è raggiungibile solo quando la marea è bassa. Ma non è tutto. Durante il funerale della signora, Arthur vede una donna vestita di nero. Chiede informazioni agli abitanti del villaggio, ma nessuno ha il coraggio di parlarne.

  3. “Rosemary’s baby” di Ira Levin 
    Una coppia di giovani si trasferisce in un nuovo appartamento, dove fanno la conoscenza dei gentili vicini. Eppure c’è qualcosa che non va. Rosemary ha una gravidanza e, intorno a lei, le cose iniziano a diventare sempre più inquietanti.

Tra i più conosciuti, si consiglia:

L'esorcista - Wikipedia
  1. “L’esorcista” di William Peter Blatty 
    La piccola Regan inizia ad assumere degli strani comportamenti. Non si sa da cosa derivino ed è così che si intrecciano religione, psicologia e horror.

    
  2. “L’incubo di Hill House” di Shirley Jackson  
    Considerato un vero e proprio capolavoro della narrativa horror, il romanzo di Shirley Jackson ha influenzato persino la scrittura di Stephen King. È stato riadattato sia per il grande schermo che per la televisione con la serie tv di Mike Flanagan.
    Se siete interessati a una casa infestata e al soprannaturale, è ciò che state cercando.

    
  3. “Shining” di Stephen King 
    Jack Torrance si trasferisce insieme alla sua famiglia come guardiano invernale dell’Overlook Hotel. Spera di riuscire a terminare il suo romanzo, ma le cose non vanno come ci si aspetta. C’è qualcosa di sinistro nell’albergo che influenza i suoi ospiti. 
    Se avete già apprezzato il film, non potete evitare di leggere il romanzo. E se non avete mai visto il lungometraggio, è bene che leggiate il libro.
Winona Ryder Horror GIF by Coolidge Corner Theatre

Ma non è finita qui! I classici della letteratura:

  1. “Il pozzo e il pendolo e altri racconti” di Edgar Allan Poe 
    Raccolta di racconti perturbanti. Il perturbante è una caratteristica tipica delle opere di Poe, significa che i suoi scritti presentano elementi che appaiono sia familiari che estranei, suscitando nel lettore un senso di confusione e angoscia. Tra i racconti presenti nella raccolta, oltre a quella che le dà il titolo, si ricordi “Il gatto nero” e “La maschera della morte rossa”. 

  2. “Ciclo di Cthulhu” di H.P. Lovecraft
    Si tratta di una raccolta che nasce dalla mitopoiesi dello scrittore statunitense. I racconti nascono da un connubio tra fantascienza, mito e orrore.

  3. I romanzi e racconti gotici del ‘700 e ‘800 inglese e americano:  
    – “Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde” di Robert Louis Stevenson 
    “Il vampiro” di John Polidori 
    “Giro di vite” di Henry James
    “Dracula” di Bram Stoker 
    “Frankenstein” di Mary Shelley 
    “Il castello di Otranto” di Horace Walpole 
    “Il monaco” di Matthew G. Lewis 
    “L’italiano” di Ann Radcliffe 
    “Melmoth l’errante” di Charles Robert Maturin 

Allora, avete scelto l’opera da leggere? Però mi raccomando: non spegnete le luci! 

Harry Potter Halloween GIF

Articoli consigliati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.